ALMA VIVA 2012. Atto I

Lunedì 12 marzo l’evento ha rappresentato uno dei momenti  più alti tra le manifestazioni di ALMA. Splendido lo scenario della Reggia di Colorno, nonostante i “cerotti” da terremoto, in una bella giornata di sole primaverile.
L’inizio è stato piuttosto “intimo” con Sponsor e Fornitori accreditati di ALMA. Interessante sentire sentimenti e riconoscimenti dei fedelissimi che hanno accompagnato ALMA dalle origini, come Barilla, Illy, Sanpellegrino, Electrolux, Coppini, Giblor’s, Piazza, Bormioli insieme alle motivazioni dei nuovi come Angelo Poretti, Mutti, CAMST, Pulitalia, Bertozzi, Madi Ventura, Alitalia.
Quello che è emerso, anche dai casi aziendali presentati, è il grande potenziale di collaborazione tra le imprese e la Scuola. Interessantissima infine la presentazione del dr. Paris per EXPO 2015.
Nel primo pomeriggio, secondo momento con la presentazione insieme alla Camera di Commercio di Parma del progetto ALMAlink, che si tradurrà a maggio nel portale che consentirà ai diplomati di ALMA di confrontarsi con le più interessanti occasioni di lavoro provenienti dal mercato.
È seguita la presentazione dei nuovi libri che si aggiungono nella collana ALMA-Plan:  “La Nuova Cucina Professionale”, “Tecniche di Sala, Bar e Sommellerie”, “Dizionario di Enogastronomia” (quest’ultimo in cinque lingue) e “Gusto Italiano”.
Il momento più vivo e appassionante è stato il convegno “Italia, terra di eccellenze” pensato da ALMA e Sanpellegrino  con la collaborazione di Symbola, la Fondazione per le qualità italiane.
Dopo il saluto del Presidente Albino Ivardi Ganapini e del Rettore Gualtiero Marchesi, è toccato a Ermete Realacci, Presidente di Symbola, introdurre il tema.
“Il prestigio di cui gode l’Italia nel mondo in settori quali l’enogastronomia, lo stile, il design, la moda, l’arte, è un valore su cui puntare in maniera strategica per il futuro del Paese e dei giovani”, ha detto Realacci, citando casi e storie eccellenti.
Il tema è poi stato approfondito da tre relatori quali Stefano Agostini, Amministratore Delegato di Sanpellegrino, Oscar Farinetti fondatore e Presidente di Eataly, che in maniera appassionata ha narrato il successo delle aperture a New York, a Tokyo e ha lamentato la mancanza di una strategia Paese nel settore.
La terza relazione di base è stata quella di Fabio Renzi, Direttore di Symbola che ha marcato i caratteri e le iniziative sistemiche della Fondazione.
È poi toccato a Clément Vachon presentare e moderare le testimonianze delle aziende eccellenti presenti; da Palazzo Strozzi ad Altagamma, da Missoni (Vittorio Missoni) a FRAU, ai rappresentanti di grandi Cantine italiane fino a Prada (Luna Rossa) e a Identità Golose.
È emerso un caleidoscopio ricchissimo di tanti campioni di “italianità” e sull’altra sponda una ”voglia d’Italia” che si respira visitando il mondo.
Una splendida cena di Gala nelle Sale del Trono della Reggia ha concluso una giornata straordinaria che resterà nel “palmares” di ALMA.

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 22 marzo 2012
modificato:giovedì 22 marzo 2012

Condividi questo articolo