Al via il nuovo ciclo delle Cene d’Autore firmate ALMA

I grandi maestri italiani guidano gli studenti del 37° Corso Superiore di Cucina

cene-autore-maggio.jpg

Al via le "Cene d’Autore", appuntamento clou di ALMA che vede gli studenti del Corso Superiore di Cucina Italiana confrontarsi con i più influenti cuochi del panorama nazionale.

Durante le serate le quattro sezioni si alterneranno con chef provenienti da tutta Italia. Una simulazione della vita nella ristorazione di alto livello studiata per concludere un percorso formativo a tutto tondo.

Appuntamenti:

  • 15 maggio
    Chef Massimiliano Mascia
    SAN DOMENICO DI IMOLA

Il San Domenico di Imola non è solo un ristorante ma una vera e propria icona della ristorazione italiana. In principio, oltre 45 anni fa, fu Nino Bergese, “il cuoco dei re, il re dei cuochi” a far puntare i riflettori sul San Domenico di Imola, succeduto dallo chef Valentino Marcattilii allievo di grandi nomi come Mado Point, i fratelli Troisgros, Roger Vergè. Oggi al San Domenico si avvicenda la terza generazione di questa famiglia, con lo chef Massimiliano Mascia, allievo di White e Ducasse ma anche nipote di Marcattilii. Lo chef Mascia rappresenta la svolta contemporanea del San Domenico nonché un segno di continuità nell’innovare e nel rinnovarsi di questo ristorante, conservando allo stesso tempo quelle solide radici nella tradizione gastronomica italiana che hanno reso così celebre questo locale.

  • 16 maggio
    Chef Pasquale Laera
    BOSCARETO SPA & Resort

A soli 29 anni pasquale Laera è l’Executive Chef del Boscareto SPA & Resort, sotto la consulenza di Antonino Cannavacciuolo. Diplomato della 12^ edizione del Corso Superiore di Cucina Italiana, Laera trascorre il suo periodo di stage presso il ristorante Villa Crespi, facendosi apprezzare ed entrando in sintonia con la filosofia di cucina dello chef campano. La cucina del Boscareto, mentre lo sguardo si perde morbido lungo le colline langarole, accarezza i tratti di una cucina neoclassica di stampo francese, personalizzata con una firma di irriverente mediterraneità pugliese in perfetta armonia con l’austero carattere piemontese.

  • 23 maggio
    Alfio Ghezzi
    LOCANDA MARGON

Sullo sfondo della piana rotaliana vicino Trento, nello storico contesto delle Cantine Ferrari, lo chef della Locanda Margon Alfio Ghezzi, propone la propria idea gastronomica attraverso piatti i cui tratti distintivi sono la finezza e la tecnica. Alfio Ghezzi, ottenuto il riconoscimento di due stelle Michelin nel 2016, si è formato dal punto di vista professionale accanto a grandi chef del calibro di Gualtiero Marchesi presso il Relais&Chateaux dell’Albereta e successivamente come braccio destro dello chef Andrea Berton al Trussardi alla Scala. La cucina di Alfio Ghezzi, non solo dimostra una conoscenza ed un uso sapiente delle materie prime del territorio in cui vive, ma è anche una splendida espressione di sintesi degli insegnamenti ricevuti dai maestri. Ne scaturisce una cucina sempre dinamica nei sapori unita alla precisione e all’attenzione per il dettaglio.

  • 24 maggio
    Piergiorgio Parini

Piergiorgio Parini è uno dei cuochi più influenti del panorama gastronomico italiano. Influente non in termini mediatici ma piuttosto dinamici, in riferimento al volume di idee che lo chef romagnolo riesce a produrre da un’ora all’altra. Al centro del processo creativo c’è sempre il prodotto, con tendenza spesso fitoforme, attorno al quale ruotano come fossero satelliti elementi in grado di spogliarsi della laro nobiltà, resi al servizio del protagonista del piatto che per osmosi ne assorbe umori e sapori. Una cucina d’avanguardia assoluta che parte dalla terra, in grado di esaltare la cultura popolare attraverso una prospettiva il cui punto di vista si colloca nel 2030. Dopo la decennale esperienza in quel di Torriana, Piergiorgio Parini è ora in cerca di una nuova avventura, lasciando in spasmodica attesa la critica di settore e tutti gli appassionati.

Scarica la locandina

Download

In caricamento...