Chi siamo

La storia

1999

Da una passione, l’idea

La volontà di istituire una scuola di cucina all’interno della Reggia di Colorno, uno dei monumenti più rappresentativi del territorio, viene dalla Provincia di Parma. A sostenerla, uno dei suoi membri, l’allora Assessore all’Agricoltura e alle Attività produttive, Albino Ivardi Ganapini, oggi presidente onorario di ALMA. Per Ganapini infatti il Palazzo Ducale di Colorno, conosciuto al tempo solo per le sue bellezze architettoniche, aveva bisogno di vestire un nuovo ruolo che potesse rilanciarne immagine e notorietà e animarne lo spazio. Ospitare un centro di formazione d’eccellenza professionale e culturale sembrava sposare l’intento. Il fatto poi che la Reggia sorga proprio nel cuore della Food Valley ha reso la scelta dell’ambito enogastronomico qualcosa di imprescindibile.

2000

Nasce il gruppo di lavoro

In breve tempo prende forma il progetto ALMA, intuendo fin dai primi momenti dello studio di fattibilità la necessità di una realtà di respiro internazionale. La missione: valorizzare e promuovere il patrimonio agroalimentare italiano in tutto il mondo.

2001-2002

Gli anni delle fondamenta

Sono anni interamente dedicati alla ricerca di stakeholder e sostenitori, alla tessitura di relazioni e partnership che nel 2002 portano alla creazione del Comitato Promotore. Fondamentale nella riuscita di questa nuova impresa il sostegno della Camera di Commercio di Parma, in prima linea fin da subito a fianco degli altri protagonisti. Il 6 maggio 2002 si costituisce ufficialmente a Colorno “La Scuola Internazionale di Cucina Italiana”, il cui titolo viene poi accompagnato dal nome ALMA, scelto “perché nome italiano, di donna, breve e che ammicca all’ALMA Mater universitaria” e più ancora perché radice della parola latina “alimentazione, nutrizione”.

Dicembre 2002

Gualtiero Marchesi

Il passo successivo alla fondazione della Scuola è stato quello di individuare un Rettore che fosse emblema dell’eccellenza a cui l’istituto ambiva ed espressione dei valori della sua didattica. La scelta ricade in modo immediato e condiviso sul Maestro della Cucina Italiana Gualtiero Marchesi onorato ed entusiasta dell’incarico. Il 6 dicembre 2002 avviene la sua investitura ufficiale come Rettore e guida del Comitato Scientifico.

2003

Il Maestro alla guida di ALMA

Marchesi, padre della cucina italiana moderna, sin da subito sottolinea a docenti e studenti lo stretto rapporto tra cucina e cultura. Ancora oggi, per essere dei veri professionisti di questo settore, gli studenti di ALMA studiano e approfondiscono la storia e la cultura della gastronomia italiana, seguendo così la linea dettata dal Maestro nella formazione di “cuochi pensanti”. Da qui nasce quella che è da sempre la vera forza dell’insegnamento di ALMA: la sua profonda specializzazione in vari settori di ristorazione e ospitalità, ben definiti negli obiettivi, nella didattica e negli sbocchi lavorativi, dove ogni area è affidata agli insegnamenti di maestri e grandi professionisti nel campo dell’ospitalità italiana.

2004

Al via il primo corso

12 gennaio 2004 parte il 1° Corso Superiore di Cucina Italiana con 17 studenti, il primo di una lunga serie di corsi di alta formazione che hanno trasformato ALMA da “la casa dei cuochi” alla Scuola di cucina e di ospitalità italiana.

Da allora

Alta formazione per il mondo dell'ospitalità

Dal 2004 costante è stato l’ampliamento dell’offerta formativa:

  • apertura del Corso Superiore di Pasticceria (2007);
  • apertura del Corso di Sommellerie e Master ALMA-AIS (2008) con la creazione dell’ALMA Wine Academy;
  • creazione dei corsi di Tecniche di Base (2008) per consentire l’accesso ai corsi Superiori anche a persone prive di una formazione alberghiera alle spalle;
  • apertura Corso di Manager della Ristorazione, sviluppo del portale web ALMA Link per far incontrare domanda e offerta di lavoro nel settore (2011);
  • lancio del corso di Sala, integrato con quello di Sommellerie (2012);
  • apertura del nuovissimo Corso di Panificazione Moderna (2017).

Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Leggendo la nostra cookie policy, direttamente all'interno del browser che normalmente usi puoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie impedendo ad esempio che terze parti possano installarne sul tuo PC. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni puoi sempre rileggere in calce l'informativa cookie. Proseguendo con la navigazione dai il consenso all'utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto.
Maggiori informazioni Ok
Questo sito utilizza cookie per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Leggendo la nostra cookie policy, direttamente all'interno del browser che normalmente usi puoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie impedendo ad esempio che terze parti possano installarne sul tuo PC. Se vuoi saperne di più clicca su maggiori informazioni puoi sempre rileggere in calce l'informativa cookie. Proseguendo con la navigazione dai il consenso all'utilizzo dei cookie, il messaggio sul banner verrà nascosto.
Maggiori informazioni Ok